In questa pagina vorrei soffermare la mia attenzione sui viewers disponibili attualmente per Mac OS X in versione "free".
Chicken of the VNC:
è senza dubbio il più blasonato, famoso e gettonato dei viewers da utilizzare sulla piattaforma della Apple. E' indubbiamente un buon programma, sebbene abbia i suoi limiti; vediamo quali nell'ordine:
- se gli si dice di cercare un host o un ip che non sono attivi, la rotellina arcobaleno comincia a girare all'impazzata e non c'è verso di uscire dall'applicativo se non chiudendolo forzatamente;
- manca la possibilità di effettuare lo "screen resizing" se non andando in modalità "a tutto schermo" per poi impazzire per tornare in modalità normale (per fortuna i controlli da tastiera sono personalizzabili). Chiaramente l'impossibilità di rimpicciolire la vista del monitor remoto alle volte si fa sentire anche a livello prestazionale (provate a visualizzare uno screen remoto da 20" a risoluzioni altissime su un 12" a 768x1024....si lo so, bisognerebbe fare l'esatto contrario, ma non è colpa mia se a casa ho solo macchine con schermi a 12" :));
- si sente la mancanza di un comando di screenshot del desktop remoto. E' verissimo che si può ovviare con il comando mela+shift+3 o mela+shift+4 ma non me la sento di dire che è la stessa cosa;
Al contrario, per tante altre cosette svolge in maniera più che egregia il suo dovere:
- supporta molto bene il reverse VNC;
- permette una buona impostazione (sebbene un po' spartanella) dei profili di connessione a seconda del tipo di codifica che si vuole adottare. Sul discorso della scelta dei colori ci sarebbe un po' da ridire in quanto non permette di ridurre i colori sotto la soglia dei 256 (in caso di connessioni lente può risultare vitale persino andare in bianco e nero).

screenshot_08

- come già accennato prima, è molto utile la possibilità di personalizzare le scorciatoie da tastiera

screenshot_09

La semplicità d'uso lo rende senza dubbio un viewer popolare, sebbene lacunoso in tante caratteristiche che lo potrebbero rendere uno strumento indispensabile. Del resto, per essere un programma ancora in fase beta se la cava in maniera più che egregia :)

Vnc Viewer v. 2.0.1 di Robert Kedoin
576 kb di snellezza pura :)
Di svantaggioso, come CotVnc, non ha lo screen resizing, inoltre non supporta il reverse VNC e non è universal binary.
Per contro presenta una migliore gestione del colore e permette gli snapshot dello schermo remoto

screenshot_11

VncThing 2.2
Un client molto valido e tutt'oggi usato sebbene sembra il produttore non lo rilasci più (il chè spiega come mai ho fatto il link a archive.org anzichè al produttore). Anche questo non è universal binary.
Finalmente un client che supporta lo screen resizing!!

screenshot_12

Ecco le opzioni di connessione così come si presentano. Purtroppo anche con questo client non si può andare sotto i 256 colori. Difetto compensato dalla possibilità di ridimensionare lo schermo.
Anche in questo client non esiste la possibilità di sfruttare il reverse VNC.

VNCDimension 0.7.10
464 kb di applicativo...niente male in fatto di ingombro ;)
Peccato che la stabilità non sia il massimo (durante le prove mi è andato in crash un paio di volte). Del resto si tratta ancora di una beta. L'impressione che si ha è quella di un programma (pure molto potente) che sia stato iniziato e poi lasciato a metà dagli sviluppatori. Sensazione accentuata con una rapida occhiatina alle opzioni di connessione

screenshot_14

Si può notare che le opzioni Scale to window e use Tight Encoding non sono attive. Il chè fa pensare che idea originale dei programmatori era quella di aggiungere anche queste due (importanti) opzioni: la prima serve ad adattare lo schermo remoto alle dimensioni del proprio schermo mentre la seconda opzione è molto utile in caso di connessioni molto lente, tipo la dial-up. Anche in questo caso non è supportato il reverse vnc.

VncViewer&Monitor by Tim Senecal
Sebbene si tratti di due applicativi distinti, VncMonitor riesce a fungere anche da viewer con le stesse funzionalità. Di conseguenza mi soffermerò solamente sulle caratteristiche di quest'ultimo.
Purtroppo non sono applicativi UB, però presentano tanti vantaggi veramente importanti: innanzitutto lo screen resizing (VncMonitor permette di controllare simultaneamente più monitor che scorrono ad intervalli regolari come su una telecamera a circuito chiuso)

screenshot_15

Inutile sottolineare quanto una caratteristica simile possa risultare utile per poter controllare simultaneamente un intero ambiente di lavoro.
La peculiarità veramente graziosa di VNCMonitor è che facendo un semplice doppio click sul rettangolino di monitor si visualizza interamente lo schermo:

screenshot_16

per rendere l'idea mi sono avvalso di Exposè :)
Che altro da aggiungere: beh, senza dubbio la gestione dei colori è pensata per poter sfruttare al massimo anche le connessioni lente

screenshot_17

attivando ad es. l'opzione 8 bit true-color si ottiene un bianco e nero al negativo (massimo contrasto con il minimo colore)

screenshot_18

da cui facendo doppio click:

screenshot_19

decisamente ottimo per connessioni non troppo veloci :)
Inoltre l'applicativo è stato pensato anche per poter fare velocemente degli screenshot
Aspetti negativi di questo viewer sono la mancanza del reverse VNC ed il fatto che non sia UB. Mi auguro di cuore che il Sig. Senecal valuti anche questi due aspetti in future release (qualora intendesse andare avanti con lo sviluppo del programma) in quanto il programma è veramente fatto molto bene ed esce dalla solita mediocrità degli altri viewer non commerciali.

Il controllo remoto di Leopard (OS X 10.5):
Finalmente in casa Apple si sono decisi a mettere in sistema un viewer vnc. Da quel poco che ho avuto modo di testarlo, sembra promettere bene.
E' abbastanza veloce, effettua lo screen resizing, non regola il colore ma regola in automatico la risoluzione in base alla banda disponibile (in altre parole, una specie di versione "slim fast" del commerciale Apple Remote Desktop).
La cosa che di più mi ha affascinato di questo viewer è l'integrazione totale con il sistema operativo e con l'interfaccia grafica in particolare. Si può richiamare comodamente da Safari scrivendo vnc://ip.o.nomehost.remoto:porta e di conseguenza salvandolo nei bookmarks. Alternativamente si può richiamare il viewer direttamente dal Finder usando il comando Connessione al Server.. e scrivendo nella finestra di dialogo vnc://ip.o.nomehost.remoto:porta dove ip.o.nomehost.remoto indica l'ip o il nome host della macchina su cui gira il server vnc e port indica la porta su cui è attivo il servizio (di default 5900). In alternativa si può richiamare direttamente l'applicativo (ben nascosto) da /Sistema/Liberia/CoreServices/Screen Sharing.app.
Chiaramente, il grande svantaggio di questo viewer è che è solo per Leopard.
Rispetto al fratello maggiore Apple Remote Desktop, questi presenta diverse features in meno (niente drag&drop, reportistica, controllo monitor di più macchine contemporaneamente ecc..) e, analogamente ad ARD, nemmeno il controllo remoto di Leopard dispone del (a mio avviso preziosissimo) reverse vnc.
Indubbiamente un viewer dalle caratteristiche interessanti.


JollysFastVNC di Patrick Stein:
E' senza ombra di dubbio il più performante dei vari viewers visti fino adesso. Ed è proprio questo l'obiettivo principale che lo sviluppatore si è riproposto.

screenshot_04

Il primo colpo d'occhio al programma è veramente impressionante. Infatti, la differenza di prestazioni rispetto ai tradizionali viewers balza all'occhio quasi istantaneamente.

screenshot_01

Molto graziosa l'interfaccia di connessione. Questa presenta l'innegabile vantaggio di segnalare tutte le macchine presenti in lan che hanno un server VNC attivo (sfruttando bonjour). Carinissima la "server list" e molto ben configurabile (unica nota negativa - ammesso che la si possa definire tale - la mancanza di verifica dello status del server al di fuori della lan, in compenso se ci si prova a connettere ad un server inattivo l'applicativo non va in crash...nota dolente di tanti viewer vnc per mac :( )
Ci si accorge di essere di fronte ad un programma alfa solamente in quanto alcune funzionalità che attualmente sono in sviluppo non sono attive se selezionate (è il caso della scelta tastiera) o della scelta della profondità del colore.
E' nelle intenzioni dello sviluppatore continuare ad implementarne le funzionalità aumentando i vari tipi di codifiche disponibili (ad ogni modo le più importanti sono già supportate). Al momento non si riesce a visualizzare il puntatore remoto (ma se ne può fare benissimo a meno in molti casi). I formati finestra supportati sono personalizzabili e viene supportato ottimamente sia lo screen resizing che la modalità full screen (nel mio caso, considerando che lavoro su un 12", è oro colato :D ). Una cosa importante che manca è il reverse VNC (Update del 17.05.08 - adesso è stato implementato anche il reverse VNC).
Tra i molteplici aspetti positivi di questo programma vi è senza ombra di dubbio da menzionare la compatibilità con Leopard ed il fatto che sia un applicativo universal binary (pensato quindi per girare nativamente sia su macchine con processore Intel che PPC).
Da gustare la presentazione fatta dall'autore sul suo blog mettendo abilmente a confronto sullo stesso monitor il suo client confrontandolo con CotVNC su dei test abbastanza impegnativi per un client VNC..i risultati? Non ve li vogli assolutamente anticipare ;)
Concluderei semplicemente facendo i complimenti a Patrick per il Suo lavoro prezioso, con l'augurio di vedere a breve tante belle e stupefacenti nuove release di questo fantastico programma.